martedì 31 agosto 2010

4 - I SUOI ANGELI "SORRISO" e "TENEREZZA" - LA GIOIA

Il linguaggio di Nuccia era intriso di fede vissuta e di Parola di Dio ruminata nel silenzio del suo cuore innamorato. Questo linguaggio si colorava di una freschezza inaudita, quando parlava degli angeli, che chiamava per nome. Il suo angelo custode l’aveva chiamato 'Sorriso'. “Gli voglio molto bene, rivela nel messaggio di Pasqua 1996, perché Lui mi invita ad essere sempre gioiosa e a sorridere a tutti, anche nella sofferenza più grande… Questa sera vi voglio fare un dono: voglio mandare a tutti voi il mio angioletto, ha già le ali spiegate; sta volando… aprite le porte dei vostri cuori… non lo lasciate fuori, perché fa freddo. Ve lo mando per portarvi il mio sorriso e la mia gioia”!



“Molti sono coloro che mi telefonano e mi scrivono: la famiglia aumenta ogni giorno di più. Allora ho pensato di chiedere al Buon Gesù, che è tanto generoso, -Lui lo sa che io lo amo alla follia-, un altro angioletto, poiché Sorriso non ce la faceva più. L’ho chiamato Tenerezza, e questa sera lo mando a tutti voi, miei cari, per portarvi la mia carezza e infondere nei vostri cuori tanta tenerezza per Gesù e Maria”. (Dal messaggio di Pentecoste 1996 a Radio Maria)

A una mamma disperata Nuccia rivolge questo incoraggiamento: “Lina, sorella carissima, non abbatterti, non avere paura, guarda in alto! Gesù dice: Non avere paura del buio della notte, Io sono la tua forza. Lui sarà la tua forza, tu fai parte del suo gregge. In questo momento sei il suo agnellino smarrito, ma Lui ti ha trovata… Coraggio, Lina, coraggio! Apri la porta del tuo cuore. Io ti mando i miei due angioletti. Si chiamano Sorriso e Tenerezza”.


......Nuccia parla ai giovani della purezza e poi invita a pregare gli angioletti....

Rivolgendosi ai fratelli ristretti in carcere con immensa tenerezza dice: “Miei cari, voglio abbracciarvi tutti e portarvi nel cuore di Gesù e Maria. Desidero inviarvi per mezzo dei miei angeli custodi una tenera carezza e un sorriso, e invocare lo Spirito Santo, affinché scenda su tutti voi, per allontanare le tenebre, le ombre e farvi brillare la sua luce splendente, per illuminarvi e inondare i vostri cuori d’amore e di pace”.

Il sorriso e la tenerezza che Nuccia inviava per mezzo dei suoi angeli custodi era il riflesso del sorriso e della tenerezza di Dio. E a questo sorriso e tenerezza Nuccia si riferisce nel messaggio ai giovani di Sassari: “La presenza di Dio in voi sarà un piacere immenso: tutte le gioie della terra valgono niente, di fronte a un suo sorriso, ad un suo abbraccio. C’è una gioia senza fine alla sua presenza: fate esperienza di Lui. Una volta che si conosce il Signore, non si potrà fare a meno di Lui”.

Il sorriso di Dio è totalmente diverso dal sorriso del mondo. Questo è legato al benessere, ai piaceri e alla soddisfazione dei bisogni. Il sorriso di Dio, invece, lo ha portato Gesù che ha dissipato le tenebre del peccato. In un suo diario prima del 1980 Nuccia fa un atto di umiltà e riconosce quanto è importante vivere costantemente col sorriso di Dio.

Parafrasando il celebre scritto di Padre Faber sul ‘Sorriso’, confessa: “Gesù porta la luce, dove sono le tenebre. A volte mi domando: Quanto bene avrei potuto fare e non l’ho fatto! Quante lacrime avrei potuto tergere e non l’ho fatto! Quante pene avrei potuto alleviare col mio sorriso e con la mia bontà e non l’ho fatto. Perché un sorriso non costa nulla e produce molto. Arricchisce chi lo riceve, senza impoverire chi lo dona... Un sorriso da riposo alla stanchezza e allo scoraggiamento, rinnova il coraggio nella tristezza. Se incontri chi non sorride, sii generoso, dai il tuo, perché nessuno ha più bisogno di sorriso, come chi non sa darlo”.

Nuccia era convinta che l’incapacità di sorridere fosse una vera povertà. “Sono poveri gli anziani soli, i molti ammalati abbandonati, i barboni, i bambini maltrattati, usati, violentati, tutti coloro che sono senza casa, senza assistenza, senza un sorriso, senza una carezza”. Quando, invece, il sorriso di Gesù col suo amore permea la vita, questo sorriso si riflette nel volto, nel cuore e nel linguaggio e guarisce ogni tristezza. A tutti Nuccia indicava Gesù e Maria come la risposta ai vari bisogni e la fonte della vera gioia. Nella corrispondenza questa affermazione è evidentissima.Considerava il sorriso una vera proposta di evangelizzazione. In uno scritto autobiografico rivela: “Nel mio cuore c’è sempre stato il desiderio di potere andare per il mondo a portare conforto, sorriso, amore, ma soprattutto la parola del Signore”.

Il sorriso di Maria era per Nuccia una forza di conversione. “Nel tuo cuore di mamma, o Maria, voglio mettere tutti i giovani. Apri i loro cuori alla fede, alla speranza, e colma i loro vuoti, riempiendoli d’amore puro e sincero. Aiutali a vivere una vita sana, ad avere il gusto della vita e delle cose, a non lasciarsi abbagliare dalle luci del mondo, ma dal tuo sorriso”. (Dal messaggio sul mese di maggio). “Custodisci nei bambini la purezza, fa che siano fiori olezzanti intorno all’altare. Sii sempre il sorriso”.

Fare un sorriso per Nuccia era fare un atto di carità. In una preghiera scrive: “Immergici, Maria, nella pratica della carità… quando ci viene chiesto di porgere un saluto, di dire una parola, di fare un sorriso”. Ma era anche un atto di fede: “Quando ci si da totalmente a Dio, la vita si apre al sorriso e testimonia che Cristo è risorto, è vivo e può ogni cosa. Donarsi a Dio è bere alla fonte dell’amore, da cui sgorga la vera pace. Se la fonte, a cui beviamo, non è l’Amore del Padre, la nostra gioia non è vera, la nostra pace non è piena”. (Dal messaggio: La vita come dono).

Quanti motivi per gioire e sorridere: per il dono della vita, per il dono degli affetti dei famigliari e degli amici, per il dono della fede e… per il dono della natura. Diceva Nuccia: “Gioia è godere nell’osservare e ammirare il cielo azzurro, il volo delle rondini, le gocce d’acqua sui vetri in una giornata piovosa. E’ qualcosa che va oltre l’affiorare di un sorriso, è qualcosa che viene spontanea dal di dentro; bisogna essere capaci di viverla nel quotidiano (qualunque sia la condizione di salute, economica, ecc…) e offrirla a chi ci sta accanto, dimenticando i grigiori, le nubi, le offese e le mortificazioni, che possono offuscare la nostra gioia di vivere”.

Ben due messaggi di Nuccia a Radio Maria trattano il tema della gioia e della sofferenza: “La gioia nella sofferenza” e “C’è gioia anche nella sofferenza”. In una visione di fede Nuccia osa perfino affermare: La gioia nella sofferenza è un dono. E allora è necessario richiederla allo Spirito Santo con insistenza; dobbiamo attingerla nell’amore salvifico di Cristo, dalla sua croce. Solo così potrà scaturire una gioia che non si scoraggia di fronte alla malattia, alla sofferenza, di qualsiasi natura essa sia, fisica o morale, di fronte alle paure terrene, che tentano di soffocarla”. (Sotto i messaggi in PDF e i video)

Per lei non c’è contraddizione quando, in comunione con Gesù, si parla di gioia nella sofferenza e di dono. Gesù morto e risorto è la chiave di comprensione dell’enigma. “Con Cristo, in Cristo, per Cristo, la croce è diventata la mia compagna di viaggio, ogni pena m’è diletto, pensando alla meta. Gesù è il mio angelo consolatore, il buon Cireneo, pronto a soccorrermi, quando la croce diventa troppo pesante. Credo, infatti, che sia proprio Lui a soffrire in me e a portare la mia croce nei momenti più duri della prova” (Dal messaggio di Pasqua 1995).

Sorprendenti sono alcune sue espressioni: “La gioia è la vocazione dell'uomo”. E inoltre: “Dobbiamo dare a Gesù il sacrificio di essere felici. Il sacrificio non è rinuncia a una fetta di felicità. Io non perdo nulla per me stessa e per la mia vita, non mi sento defraudata, ma nel donarmi al Signore con amore (l’essenziale è l’amore!) sono felice nella sofferenza, perché realizzo la mia vocazione: amo e sono amata. Sorelle, fratelli, dobbiamo essere gioiosi, pieni di speranza. La gioia è il segno del cristiano, della nostra fede. Dio ci vuole sempre lieti. Lo Spirito di Dio ci doni la vera gioia; stiamo sereni, lasciandoci condurre docilmente dal nostro Buon Pastore sui suoi pascoli, perché la sua gloria si manifesti in mezzo a noi. Andiamo, dunque, con gioia incontro al Signore che viene, lodiamolo con tutto il cuore, cantiamo la sua presenza, gioiamo, perché ci ama e ci perdona. Alleluia”! (Dal messaggio: La gioia nella sofferenza).

Paradossale: Nuccia, fragile donna intessuta di dolore, canta e proclama la gioia. Tutte le testimonianze di coloro che l’hanno conosciuta hanno affermato che il suo volto era sempre luminoso e aperto al sorriso. Quale il segreto? Lei stessa lo rivela ai giovani di Sassari: “Il segreto della mia giovinezza e della mia gioia di vivere è Gesù!”
1 - Messaggio di Nuccia: LA GIOIA NELLA SOFFERENZA

2 - Messaggio di Nuccia: C'E' GIOIA ANCHE NELLA SOFFERENZA
VIDEO

Nessun commento: